skip to Main Content
Servizio Cortesia: 3517876608 info@auroracartomanzia.it

Tarocchi metodo del si e del no

Avrai sentito parlare del metodo del sì e del no in ambito di tarocchi. Beh, qui ti spiegherò come mai viene messa in pratica questa metodologia di lettura delle carte e qual è il suo scopo. Che tu sia solo curioso/a oppure principiante, questo articolo potrebbe interessarti per aprirti a nuovi orizzonti della divinazione.

Questo metodo di lettura è abbastanza semplice, ma richiede comunque massima concentrazione da parte di consultante e cartomante. Questo perché, quello che ne deriverà, sarà una risposta secca ad una domanda specifica. Per provare questo metodo puoi affidarti comunque alle nostre esperte cartomanti.

Metodo del sì e del no nei tarocchi: cos’è

Nei tarocchi, il metodo del sì e del no è una pratica utilizzata meno di quanto ci si aspetti. Il perché è da ricercare nel fatto che la maggior parte dei/delle consultanti preferisce avere una lettura a 360 gradi di quello che è e che sarà la propria vita.

Ma c’è comunque chi vuole dedicarsi ad una domanda specifica. E questa metodologia di lettura esoterica è proprio quello che cercano queste persone concentrate su di una sola risposta.

Come sappiamo, la divinazione può rispondere ad innumerevoli domande al fine di aprire la mentalità di chi richiede un consulto, ma in questo specifico caso chi chiede una lettura di tarocchi con il metodo del sì e del no, ha uno specifico obiettivo: rispondere ad una domanda secca.

Come funzionano i tarocchi nel metodo del sì e del no

Come accennato, c’è bisogno di estrema concentrazione da ambe le parti (consulente o cartomante e consultante).

Per cominciare la lettura dei tarocchi con il metodo del sì e del no, il cartomante usufruirà solamente dei 22 Arcani Maggiori, ovvero le carte più “importanti” del panorama della cartomanzia.

Ma prima di continuare ti starai chiedendo “Perché non usa tutte e 78 carte?”. Ti rispondo con chiarezza: perché gli Arcani Maggiori sono le carte più simboliche e decise che potrai trovare in qualsiasi mazzo di carte. Essi sono la risposta alle domande e nella lettura classica dei tarocchi, un Arcano Maggiore è il cardine.

Per questo, come detto, sono le uniche carte che verranno utilizzate nella pratica del sì e del no.

Per iniziare la lettura c’è bisogno di massima concentrazione da parte del consultante. Questo dovrà essere deciso a formulare una domanda secca. Questa domanda può riguardare qualsiasi aspetto della propria vita: dall’amore al lavoro, passando per la salute o la fortuna.

Ogni domanda è lecita nei tarocchi del sì e del no. Una volta formulata, il cartomante – dopo aver mescolato per bene il mazzo – estrarrà 4 carte.

Queste verranno disposte in due file: la fila superiore vedrà rispettivamente la prima e la terza carta; nella fila inferiore la quarta e la quinta.

Come si leggono i tarocchi nel metodo del sì e del no

Nel metodo del sì e del no valgono gli stessi principi della classica lettura dei tarocchi. Quindi verranno valutate le carte al dritto ed al rovescio.

La fila superiore (1° e 3° carta) daranno il responso generale positivo o negativo alla domanda.

La fila inferiore (4° e 2° carta) ci darà invece informazioni su situazioni passate e presenti, dandoci modo di analizzare la lettura nel suo insieme.

Le ultime due carte sono quelle che influenzeranno definitivamente un responso la quale risposta, dopo il confronto con il/la cartomante, sarà positivo o negativo: “sì o no”.

La seconda fila ci dirà quindi cosa modificare nell’atteggiamento se si vuole cambiare la risposta.

Conclusione

È molto importante che il consultante, in questo metodo, abbia ben chiara la domanda da porre ai tarocchi.

Questa sua decisione sarà il primo passo verso una lettura sincera ed etica. Il professionista che invece leggerà le carte dovrà essere informato al 100% sui valori degli Arcani Maggiori in questione e delle influenze che hanno gli uni sugli altri.

Back To Top
Open chat
1
Ciao
Serve Aiuto?